Eventi

IL SENATORE GIUSEPPE FASSINO RIEVOCATO IN BUSCA A CINQUE ANNI DALLA MORTE 
 IL SENATORE GIUSEPPE FASSINO RIEVOCATO IN BUSCA A CINQUE ANNI DALLA MORTE  Un pubblico folto e qualificato ha partecipato alla rievocazione del senatore Giuseppe (Beppe) Fassino (1924-2012) a Casa Francotto nella sua nativa Busca a cinque anni dalla morte. Presenti la Figlia prof. Antonella con la Famiglia, Gianmaria Dalmasso, Tarcisio Delfino, già parlamentare della Democrazia cristiana, Paolo Chiarenza, amici ed estimatori, i presenti hanno ricordato l'uomo colto, il politico di specchiata onestà, modello di rettitudine e di alto buon senso, concreto e fattivo: cristiano, monarchico e liberale non per tessera di partito ma nella vita quotidiana. Senatore dal 1979 al 1992, sottosegretario di Stato alla Pubblica istruzione e alla Difesa, consigliere regionale dal 1970, anima e corpo del settimanale “Il Subalpino” ed europeista d'avanguardia, Fassino fu il continuatore della grande tradizione del liberalismo piemontese che affonda radici nelle figure di Camillo Cavour, Giovanni Giolitti e Luigi Einaudi. 
La rievocazione, svolta da  Gianni Rabbia, presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo, Aldo A. Mola, presidente della Consulta dei senatori del regno (di cui Fassino fu componente) ed Elio Ambrogio, suo stretto collaboratore, è stata orchestrata dal cerimoniere del Lions Busca e Valli, Dante Degiovanni, e aperta dal sindaco di Busca e dai presidenti dei Lions di Busca, sig.a Maria Immacolata Agostino, e Saluzzo-Savigliano, Luca Martin.  Il Sindaco, Marco Gallo, ha annunciato che promorrà l'intitolazione di un parco pubblico alla figura dell'illustre concittadino.  
Nella fotografia, da sinistra, Gianni Rabbia, Marco Gallo, Luca Martin, Maria Immacolata Agostino, Aldo A. Mola ed Elio Ambrogio. Sullo sfondo, Beppe Fassino ricevuto da papa Giovanni Paolo II.
 
TORINO: PRESENTATO IL LIBRO DI DANIELE CAPEZZONE SULLA BREXIT
TORINO: PRESENTATO IL LIBRO DI DANIELE CAPEZZONE SULLA BREXIT TORINO: PRESENTATO IL LIBRO DI DANIELE CAPEZZONE SULLA BREXIT TORINO: PRESENTATO IL LIBRO DI DANIELE CAPEZZONE SULLA BREXIT    
Il 19 novembre 2017, presso il Museo Pietro Micca di Torino, è stato presentato il volume "Brexit. La Sfida" di Daniele Capezzone e Federico Punzi.  Dopo un breve saluto del direttore del museo, gen. Sebastiano Ponso, ha moderato l'evento Alessandro Carmazzi.
Sono intervenuti la dott.ssa Anna Bono, il direttore scientifico dell'ASSGG prof. Aldo Mola ed il giornalista Alberto Simoni. Tra il numeroso pubblico presente in sala vi erano anche il presidente dell'ASSGG Alessandro Mella, il gen. Lodovico Triscari e il Consigliere comunale Roberto Rosso.
IL LIBERALE GIUSEPPE FASSINO: POLITICA E CULTURA
Il 27 novembre 2012, a Busca (CN) dove aveva sempre abitato, moriva all'età di 88 anni il senatore Giuseppe Fassino 
Laureato in lettere e filosofia, dal dopoguerra Giuseppe Fassino ha fondato e amministrato per moltissimi anni  le Istituzioni Scolastiche Fassino di Busca, che ha formato centinaia e centinaia di giovani e meno giovani permettendo loro di conseguire un diploma di scuola media inferiore e superiore e di avviarsi al mondo del lavoro.
Giuseppe Fassino è conosciuto anche per la sua carriera politica, condotta sempre e coerentemente nel Partito Liberale Italiano. Consigliere comunale a Busca per decenni, segretario del Partito Liberale cuneese, consigliere regionale a Torino e padre costituente della Regione Piemonte, è stato senatore della Repubblica dal 1979 al 1992, segretario della presidenza del Senato, sottosegretario di Stato al Ministero della Pubblica Istruzione e al Ministero della Difesa. Ha anche ricoperto incarichi nell'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa.
E' stato difensore civico del comune di Busca e membro del Lions club di Saluzzo-Savigliano ricoprendo svariati incarichi lionistici.
A cinque anni dalla scomparsa, venerdì 24 novembre, alle ore 21.00, la sua Busca lo ricorda  con un incontro a Casa Francotto (Busca, piazza Regina Margherita 4) organizzata dai Lions Club di Busca e Saluzzo-Savigliano, dall'Amministrazione comunale di Busca, dalla Fondazione Cassa di risparmio di Saluzzo, dall'Associazione di studi storici Giovanni Giolitti (Cavour) e dall'Associazione di studi sul Saluzzese, tutte istituzioni che nel senatore Fassino hanno sempre avuto un  un sicuro punto di riferimento materiale e ideale.
Interverranno il sindaco di Busca, dott. Marco Gallo, il presidente della Fondazione Cassa di risparmio di Saluzzo prof. Giovanni Rabbia, lo storico prof. Aldo Alessandro Mola e il collaboratore e segretario del Senatore prof. Elio Ambrogio.
Informazioni: Elio Ambrogio, tel. 335-6140759,  email: elioambrogio@gmail.com


 
IL VIDEO DELLA GIORNATA STUDI: DA CAPORETTO ALLA VITTORIA
La registrazione degli interventi della giornata studi organizzata lo scorso 26 ottobre a Saluzzo

Da Caporetto alla Vittoria


Per accedere direttamente ad un intervento specifico, cliccare sul link nella descrizione sulla pagina di youtube.
00:24 Gianni Rabbia: benvenuto;
05:00 Alessandro Mella: apertura dei lavori;
07:10 Tito Lucrezio Rizzo: Tomaso di Savoia, Luogotenente del Re d'Italia (1915-1919);
32:02 Federico Lucarini: Antonio Salandra dopo il governo Salandra;
55:23 Gian Paolo Ferraioli: Gli Stati Uniti d'America sul fronte italiano (1917-1918);
01:28:58 Col. Carlo Cadorna: La visione strategica del Comandante Supremo Luigi Cadorna;
02:24:00 Aldo A. Mola: Marco Aurelio di Saluzzo, protagonista dell'età giolittiana: militare, amministratore locale, parlamentare, sottosegretario di Stato nella Grande Guerra;
02:58:58 Claudio Susmel: La staffetta della Vittoria (Orlando-Nitti-d'Annunzio-Giolitti);
03:32:52 Alessandro Agostinucci: Storia di un Alpino. Da Caporetto alla Vittoria (ed. Associazione Nazionale Alpini);
03:39:41 Aldo A. Mola: Conclusioni;
03:41:11 Nerio Nesi: Il Museo Nazionale di Cavour;
03:42:59 Credits.
ALESSANDRIA, SABATO 11 NOVEMBRE
Segnaliamo questo interessante appuntamento del Centro Studi Urbano Rattazzi

DA CAPORETTO ALLA VITTORIA
UN RIUSCITO CONVEGNO DI STORIA A SALUZZO
DA CAPORETTO ALLA VITTORIA: UN RIUSCITO CONVEGNO DI STORIA A SALUZZOIntitolare una spazio cittadino al marchese Marco di Saluzzo, militare, parlamentare, uomo di governo, amministratore locale, galantuomo è la proposta avanzata dal Convegno “Da Caporetto alla Vittoria” organizzato a Saluzzo  dall’Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti (ASSGG) e dall’Associazione di Studi sul Saluzzese. Aperto dai presidenti della Fondazione RC Saluzzo, prof. Gianni Rabbia, e della ASSGG Alessandro Mella, esso è stato presieduto da Giuseppe Catenacci, dell’Associazione Ex Allievi della Nunziatella. Tito Lucrezio Rizzo (Università La Sapienza di Roma) ha confrontato  il ruolo di Tomaso di Savoia, Luogotenente di Vittorio Emanuele III durante la Grande Guerra, con quello  di Umberto di Savoia, Principe di Piemonte, dal giugno 1944 al maggio 1946, quando assunse la corona all'abdicazione di Vittorio Emanuele III, il "re Soldato". Dopo esposizione sintetica della relazione di Aldo G. Ricci, Sovrintendete emerito dell’Archivio Centrale dello Stato sulle terre contese e la loro ricostruzione,  Federico Lucarini (Univ. del Salento) ha illustrato ruolo e vicende di Antonio Salandra, presidente del Consiglio dei Ministri alla dichiarazione di guerra del 24 maggio 1915DA CAPORETTO ALLA VITTORIA: UN RIUSCITO CONVEGNO DI STORIA A SALUZZO, giurista e politico di lungo corso.  Gian Paolo Ferraioli (Università della Campania “L. Vanvitelli”) ha perlustrato il mutevole atteggiamento degli  Stati Uniti d'America sul fronte italiano, ove lamentarono 7 morti contro i 680.000 caduti italiani. Il colonnello Carlo Cadorna, nipote del  Comandante Supremo, ha analizzato la visione strategica del nonno, confutando con argomenti ineccepibili iluoghi comuni consolidatisi nell’immaginario collettivo. Ha chiuso la prima sessione il direttore dell’ASSGG, Aldo A. Mola, col ritratto militare e politico di Marco Aurelio di Saluzzo nonché della sua prestigiosa Casata. Mola ha auspicato che Saluzzo gli intitoli uno spazio pubblico.  
  La sessione pomeridiana,  presieduta dall'avvocato Giovanna Giolitti, presidente onorario dell’ASSGG e bisnipote dello statista, è stata aperta da Nerio Nesi, presidente della Fondazione Camillo Cavour (Santena), con un partecipe saluto. Di seguito Claudio Susmel  ha parlato della “Staffetta della Vittoria  - Orlando, Nitti, D’Annunzio, Giolitti”, con argomentati  riferimenti  all'Accordo di Londra del 26 aprile 1915, ai Trattati di pace del 1919-1920 e alla questione di Fiume. Dopo un  vivace dibattito, il filmografo Giorgio Sangiorgi ha illustrato la cinematografia su Caporetto e  sulla vittoria,  avvalendosi di spezzoni di documentari e film rarissimi, quali "Thais", unica pellicola futurista giunta sino a noi. L’avv. Alessandro Agostinucci, dell’Associazione Nazionale Alpini di Asti, ha infine descritto  genesi e contenuti dell'Album "Storia di un Alpino da Caporetto alla Vittoria", edito dall'ANA. Esso fonde comunicativa del fumetto, disegnato da Luigi Piccatto (autore di Dylan Dog) e puntuale analisi storica. 
Gli Atti del convegno saranno presto dati alle stampe. 
(foto di Karen Giacobino LINK)
 
SALUZZO, GIOVEDI' 26 OTTOBRE: IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA STUDI
Pubblichiamo il programma della giornata studi, organizzata dall'Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti, che si terrà a Saluzzo (CN) il prossimo giovedì 26 ottobre.

L'Associazione di studi storici Giovanni Giolitti (Cavour) e l'Associazione di Studi sul Saluzzese,    
        con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo, organizzano il
Convegno di Studi
DA CAPORETTO ALLA VITTORIA (1917-1918)
                                                             
    Tra il 24 ottobre e l'8 novembre del 1917 l'Esercito italiano fronteggiò l'offensiva austro-germanica, che comportò la ritirata del fronte dall'Isonzo al Piave e gravi perdite. Due anni dopo l'intervento, era al culmine la tensione tra il Comandante Supremo, Luigi Cadorna, e il presidente del governo, Paolo Boselli, messo in minoranza proprio mentre iniziava l'avanzata nemica, nel quadro europeo segnato dalla rivoluzione bolscevica in Russia.
      Re Vittorio Emanuele III, il suo Luogotenente, Tomaso di Savoia, e il nuovo governo presieduto da Vittorio Emanuele Orlando, sorretto alla Camera anche da Giovanni Giolitti,  guidarono lo sforzo nazionale che animò le Forze Armate dalla battaglia d'arresto sul Piave a quella del Solstizio (giugno 1918) e alla Vittoria (3-4 novembre 1918). 
   Unificato da appena mezzo secolo, pur tra enormi difficoltà il Paese resse e coronò il Risorgimento.
 
    Il Convegno passa in rassegna temi e protagonisti italiani della Grande Guerra e approfondisce le condizioni dei soldati, in  specie  fanti e alpini.
13 ottobre 2017
Aldo A. Mola
(Direttore ASSGG)
PROGRAMMA
26 ottobre 2017
Saluzzo, Salone della Cassa di Risparmio di Saluzzo (g.c.), C.so Italia 86 (ingresso anche da p.za Denina), sino a esaurimento posti.
h.8.45 Prof. Gianni Rabbia, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Saluzzo, Apertura dei lavori.
 
Saluti istituzionali.
 
Presiede  Giuseppe Catenacci, Presidente dell'Associazione Nazionale ex Allievi della Nunziatella
h. 9.15-12.45 
              Tito Lucrezio Rizzo, Univ. La Sapienza (Roma), Tomaso di Savoia, Luogotenente del Re d'Italia (1915-1919).
              Aldo G.Ricci, Sovrintendente Emerito dell'Archivio Centrale dello Stato, Le “terre contese” tra occupazione nemica e ricostruzione.   
              Federico Lucarini, Università del Salento, Antonio Salandra dopo il governo Salandra.                     
              Gian Paolo Ferraioli, Università della Campania “L. Vanvitelli”,Gli Stati Uniti d'America sul fronte italiano (1917-1918)   
               Col. Carlo Cadorna, La visione strategica del Comandante Supremo Luigi Cadorna.
               Aldo A. Mola, Marco Aurelio di Saluzzo, protagonista dell'età giolittiana: militare, amministratore locale, parlamentare, sottosegretario di Stato nella Grande Guerra.
h.12.30 Interventi.
 
 h. 16 Presiede: avv. Giovanna Giolitti
 
Angelo G. Sabatini, Direttore di “Tempo Presente”, Guerra di trincea e solitudine del fante
Claudio Susmel, La staffetta della Vittoria (Orlando-Nitti-d'Annunzio-Giolitti)
Giorgio Sangiorgi, filmografo, Caporetto e Vittorio Veneto nella cinematografia (con proiezione)
Avv. Alessandro Agostinucci, Storia di un Alpino. Da Caporetto alla Vittoria (ed. Associazione Nazionale Alpini)
 
h.18.30  Interventi e Conclusioni.
 
               La S.V. è vivamente invitata partecipare.
        
                  Alessandro Mella (presidente ASSGG)                              Giovanni Rabbia (presidente  Fondazione C.R. Saluzzo)
                                                         
 
                 Tutti i partecipanti ricevono in omaggio un volume di storia dell'età giolittiana
 

GUARDA LA LOCANDINA DELL'EVENTO
 

IL VOLUME SULL’ON. RASTELLI PER I CAFFÈ CULTURALI DI VIÙ
IL VOLUME SULL’ON. RASTELLI PER I CAFFÈ CULTURALI DI VIÙUn pubblico appassionato e davvero numeroso, circa ottanta persone, ha seguito l’incontro di sabato pomeriggio, 14 ottobre, al Caffè Rocciamelone di Viù nell’ambito dei Caffè Culturali. Rassegna letteraria che da anni raccoglie l’appoggio dell’Amministrazione Comunale, della Pro Loco e della popolazione. In questo pomeriggio si è parlato di Giovanni Rastelli, viucese, sindaco, consigliere provinciale e deputato del Regno d’Italia per tre legislature nell’area costituzionale liberale che aveva per riferimento Giovanni Giolitti. L’occasione è stata data dal nuovo volume di Alessandro Mella dal titolo “Dalle Valli di Lanzo alla Nuova Italia – Note Storiche su Giovanni Rastelli”. L’autore, visivamente emozionato, è stato intervistato dall’assessore Alberto Guerci e dallo scrittore e storico Milo Julini. Il sindaco di Viù, Daniela Majrano, ha portato il saluto del Comune e rievocato l’attaccamento dei viucesi al loro antico parlamentare e spiegato come la produzione di opere simili manifestino l’affetto degli autori verso la comunità. L’avvocato Giovanna Giolitti, nipote dell’illustre statista, assente per una forte influenza, ha inviato un video in cui ha rievocato brevemente l’importanza dell’on. Rastelli e portato anche il saluto dell’Associazione Studi Storici Giovanni Giolitti di Cavour di cui è presidente onorario e della quale è presidente l’autore del volume. Quest’ultimo ha anche comunicato che un saluto è giunto dal direttore scientifico prof. Aldo A. Mola rammaricato per non aver potuto partecipare all’incontro.  Molte le persone in sala a seguire le vicende d’un tempo lontano in cui grandi uomini, provenienti dalle tante province italiane, concorsero a costruire lo stato, le istituzioni e la Nuova Italia.  Tra il pubblico anche i sindaci e le rappresentanze dei comuni di Groscavallo, Lemie, Usseglio, Ceres, Pessinetto, Germagnano e dell’Unione Montana Alpi Graie nonché la dottoressa Daniela Berta direttore del Museo Tazzetti di Usseglio. Foto di Karen Giacobino.

IL VOLUME SULL’ON. RASTELLI PER I CAFFÈ CULTURALI DI VIÙ
 

BOLOGNA: CONFERENZA DELL’AVV. GIOVANNA GIOLITTI SUL LIBERALISMO
Sabato 30 settembre 2017, nel corso del convegno di studi giuridici sul tema “Proprietà privata, presidio della libertà”, l’Avv. Giovanna Giolitti, pronipote dello Statista, ha tenuto una relazione approfondendo il tema del liberalismo economico, contestualizzato nella politica italiana a cavallo tra ‘800 e ‘900. Nella foto l’Avv. Giolitti (seconda da sinistra) con gli altri relatori della giornata di studi.
BOLOGNA: CONFERENZA DELL’AVV. GIOVANNA GIOLITTI SUL LIBERALISMO
 
CAVOUR (TO): MOSTRA DI GIOIELLI "DAME E CAVALIERI", PATROCINATA ANCHE DALL'ASSOCIAZIONE STUDI STORICI GIOVANNI GIOLITTI



Articolo pubblicato su
 
twitter
APERTO IL CANALE TWITTER DELL'ASSOCIAZIONE DI STUDI STORICI GIOVANNI GIOLITTI

Per seguire tutti gli aggiornamenti ed interagire con l'Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti è disponibile il nuovo canale twitter.
https://twitter.com/GiolittiCavour
MEMORIA DI RE UMBERTO I
29 luglio 1900 - 29 luglio 2017


 Consulta dei Senatori del Regno  Umberto INel 117° del regicidio di Monza la Consulta dei Senatori del Regno si inchina dinnanzi alla memoria di Umberto I, il Re Buono, ucciso da un anarchico eterodiretto.

   Mentre il Paese è in travaglio, la Consulta esorta a ricordare l'Italia unificata da Vittorio Emanuele II, Padre della Patria, e Re Vittorio Emanuele III, per quarantasei anni sovrano, nelle alterne vicende  della Storia.

   Viva Casa Savoia! Viva l'Italia!

   Roma, 29 luglio 2017

                                                                Aldo Alessandro Mola
                                           Presidente della Consulta dei Senatori del Regno
 
 
COSTITUITA A CAVOUR L'ASSOCIAZIONE DI STUDI STORICI GIOVANNI GIOLITTI
ASSOCIAZIONE “GIOVANNI GIOLITTI”Si è costituita a Cavour l'Associazione di studi storici “Giovanni Giolitti”.
L'assemblea dei soci ha acclamato presidente onorario l'avv. Giovanna Giolitti, rappresentante della Famiglia Giolitti e depositaria della memoria dello Statista; ha eletto presidente Alessandro Mella, autore di apprezzati  saggi sull'Italia dal Risorgimento all'età giolittiana; direttore scientifico il prof. Aldo A. Mola e segretario il sig. Giovanni Ballarino.
Il Direttivo, con la partecipazione del prof. Giovanni Rabbia e del presidente dell'Associazione di Studi sul Saluzzese, avv. Attilio Mola, ha reso omaggio allo Statista recandosi in visita alla Tomba Plochiù-Giolitti in Cavour nella ricorrenza della sua morte (17 luglio 1928).
Tra i numerosi soci fondatori si segnalano storici e scrittori quali GianPaolo Ferraioli, Dario Fertilio, Vincenzo Pacifici, Aldo G. Ricci, Tito Lucrezio Rizzo, Giorgio Sangiorgi, Romano Ugolini e Antonino Zarcone.
L'Associazione ha in programma per l'autunno 2017 pubblicazioni e un Convegno di studi.
 
Cavour, 20 luglio 2017
 

Gianni Rabbia, Giovanna Giolitti, Aldo Mola rendono omaggio alla Memoria dello Statista alla Tomba Plochiù-Giolitti in Cavour nell'anniversario della sua morte (17 luglio 1928)

Gianni Rabbia, Giovanna Giolitti, Aldo Mola rendono omaggio alla Memoria dello Statista alla Tomba Plochiù-Giolitti in Cavour nell'anniversario della sua morte (17 luglio 1928)