Consigli di lettura

DALLE VALLI DI LANZO ALLA NUOVA ITALIA - Note storiche su Giovanni RastelliDALLE VALLI DI LANZO ALLA NUOVA ITALIA - Note storiche su Giovanni Rastelli
Il volume “Dalle Valli di Lanzo alla Nuova Italia” racconta le vicende di Giovanni Rastelli (Viù, 1858-1917) e descrive il contesto politico e sociale in cui operò. Egli rappresenta una delle figure più importanti nella storia delle Valli di Lanzo, in provincia di Torino. Sindaco di Viù, consigliere provinciale e deputato al Parlamento per tre legislature, con un impegno politico crescente giunse a prendere parte ad eventi e scelte fondamentali per la storia dell’Italia post unitaria. Nella sua prefazione il prof. Aldo A. Mola lo definisce con efficacia «paradigma della Nuova Italia»: Rastelli ed il suo percorso umano e politico, in effetti, rappresentano benissimo la classe politica di quel tempo. Uomini parte di quel mondo liberale impegnato a costruire lo Stato nel solco tracciato dal Conte di Cavour e seguendo l'esempio di statisti come Giovanni Giolitti. Alessandro Mella ne ha ricostruito le vicende, nell’intento di rendergli voce e memoria prima che queste si perdessero nei gironi danteschi della Grande Storia.

Titolo del Libro: Dalle Valli di Lanzo alla Nuova Italia. Note storiche su Giovanni Rastelli, Autore : Alessandro Mella, Editore: Chiaramonte, Pagine: 112, ISBN-10: 8895721691, ISBN-13: 9788895721699, Anno 2017 


Tempo PresenteTEMPO PRESENTE
E' disponibile il nuovo numero della prestigiosa rivista "Tempo Presente". Il testo raccoglie gli atti del convegno "Incontro di Studio sull'età Giolittiana" tenutosi al Quirinale, presso l'Archivio Storico della Presidenza della Repubblica aperto dalla Sovrintendente dott. Marina Giannetto, il 21 giugno 2017 in occasione della presentazione del DVD "Giovanni Giolitti lo Statista della Nuova Italia". Vi sono raccolti testi e partecipazioni di importanti storici italiani. L'opera si può richiedere, fino ad esaurimento copie, all'Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti.

Pagine 76, euro 7.50.


DALLA MONARCHIA ALLA REPUBBLICA (1944-1948) a cura di Aldo A. MolaDALLA MONARCHIA ALLA REPUBBLICA (1944-1948) a cura di Aldo A. Mola
Il volume ripercorre la transizione dalla monarchia alla repubblica in Italia attraverso l’osservatorio, molto interessato e influente, degli Stati Uniti d’America e quello, prima inesplorato, degli ambasciatori dei Paesi scandinavi. Esso approfondisce le radici remote e
recenti del pronunciamento molto diverso del Paese (il Centro-Nord prevalentemente repubblicano; il Mezzogiorno monarchico), l’atteggiamento delle Forze Armate, sciolte dal giuramento di fedeltà al Re ma non da quello alla Patria, e il ruolo svolto all’Assemblea
Costituente da gruppi minoritari e oggettivamente emarginati, come liberali e monarchici.
Gli autori inquadrano il cambio istituzionale in una visione di lungo periodo. In casi emblematici la repubblica innovò istituti della monarchia. Esemplare è il passaggio dal Ministero della Real Casa
al Segretariato Generale della Presidenza.
A quanto noto sull’orientamento dei partiti il volume aggiunge l’esame documentato delle scelte compiute da un Ordine tradizionale, quale la massoneria, all’affannosa ricerca di una nuova collocazione internazionale e interna.
Sul referendum gravarono non solo le interferenze straniere “di sistema” ma soprattutto le clausole punitive del Trattato di pace, notificato solo all’indomani del voto. Il governo di CLN si illuse invano (e illuse gli elettori) che l’opzione repubblicana avrebbe valorizzato il concorso dell’Italia alla lotta di liberazione e propiziato condizioni meno inique e vessatorie. Il Trattato pesò poi sull’Assemblea Costituente, nel cui corso, sulla scorta dell’esperienza storica nazionale, già venne fatta netta distinzione tra diritto di asilo dei rifugiati politici e migrazione per lavoro.
Aldo A. Mola
Il volume comprende saggi di Ulla Åkerström, Mario Caligiuri, GianPaolo Ferraioli, Attilio Mola, Luigi Pruneti, Aldo G. Ricci, Tito Lucrezio Rizzo, Claudio Susmel, Enrico Tiozzo e Antonino Zarcone.

Bastogi Libri, Roma (2017), euro 18,00 ISBN 978894894318

dal volume, pag. 104: l'allora Ministro per gli Affari Regionali, avv. Enrico Costa, e il Prof. Aldo A. Mola, alla conferenza del prof. Giorgio Sangiorgi.


"Dalla Monarchia alla Repubblica (1944-1948)" viene inviato in omaggio ai Soci dell'Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti di Cavour dall'Associazione di Studi sul Saluzzese.


Il libro verrà presentato a ottobre.



VIVA L%27IMPERATORE! VIVA L'ITALIA! di Alessandro MellaVIVA L'IMPERATORE! VIVA L'ITALIA! di Alessandro Mella
Il saggio di Alessandro Mella “Viva l'Imperatore! Viva l'Italia!”, sulla scorta di ampia documentazione archivistica e iconografica, esplora le radici del Risorgimento, cioè il sentimento italiano nel ventennio napoleonico. L'opera è uscita mentre, nel bicentenario del Congresso di Vienna e della Restaurazione, torna  al centro dell'attenzione l'idea originaria di Patria una, indipendente e libera, maturata con grandi sacrifici dai tanti italiani che servirono in armi il regime franco-napoleonico. Giorno dopo giorno – documenta Mella  - essi percepirono la necessità della Nuova Italia. In cerca del Principe, dopo trent'anni di cospirazioni, condanne alla pena capitale, al carcere duro, all' esilio lo trovarono infine in Carlo Alberto di Savoia, re di Sardegna, già Conte dell'Impero napoleonico, il re dello Statuto.
Il volume è elogiativamente aperto da un inquadramento critico di Aldo A. Mola, presidente della Consulta dei Senatori del Regno, e dall'introduzione di Francesco Paolo Tronca, già Prefetto di Milano e già Commissario al Comune di Roma, noto cultore del Risorgimento, specialmente di Giuseppe Garibaldi.
L'Opera  (pp.237, euro 15) è pubblicata dall' Editore Bastogi Libri (Roma)  nella collana “De Monàrchia”.


Bastogi Libri, Roma (2016), euro 15,00 ISBN 9788899376338


LA RISCOPERTA DI GIOVANNI GIOLITTI NELL'OPERA CURATA DA ALDO A. MOLA E DA ALDO G. RICCI
PROMOSSA DALLA  FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI SALUZZO













​​​​​​​